PERCHÉ AMO IL MIO CARNEFICE? 

L'innamoramento ci accade di solito prima di conoscere veramente il nostro partner.

Ci capita perché siamo alla mercé di forze inconsce, comunemente chiamate "chimica". Non giudicate voi stessi per il fatto di amare qualcuno che non vi tratta con cura e rispetto, poiché, nel momento in cui la relazione diventa abusante, è umano fare di tutto per mantenere e recuperare il vostro legame con l'altro.

Molto probabilmente, ci sono stati accenni di abuso fin dall'inizio della relazione, che tuttavia sono stati trascurati.

Questo avviene perché gli abusanti sono solitamente eccellenti seduttori e sono in grado di aspettare fin quando la vittima non sia completamente agganciata.

È quello il momento in cui iniziano a mostrare i loro veri colori.

A quel punto, il nostro amore è cementato e non muore facilmente.

Può essere estremamente umiliante rimanere in una relazione abusante.

La maggior parte delle persone non riesce a comprendere il nostro restare in quella relazione così come il nostro essere ancora innamorati di chi ci abusa, inganna e manipola di continuo.

Non ci sono buone risposte per questo, ma ci sono ragioni valide.

Le nostre motivazioni sono al di fuori della nostra consapevolezza e del nostro controllo, proprio perché abbiamo appreso uno stile disfunzionale di attaccamento negli anni in cui questo era fondamentale per la nostra sopravvivenza.

Questi istinti controllano i nostri sentimenti e il nostro comportamento.

Le vittime elettive dei narcisisti patologici, così come degli psicopatici in generale, sono i dipendenti affettivi.

Alla base delle relazioni affettive basate sull'abuso c'è la negazione dell'abuso stesso.

L'infanzia di una dipendente affettiva è infatti stata caratterizzata dalla mancanza di rispetto, protezione e supporto all'interno della propria famiglia e da una serie infinita di umiliazioni e maltrattamenti psicologici, affettivi e fisici.

È per questo che la vittima tende a negare gli abusi subiti dal proprio carnefice: perché non si aspetta di essere trattata meglio di come è stata controllata, umiliata o punita all'interno della propria famiglia d'origine.

Negare l'abuso nella propria infanzia ha significato la possibilità di garantirsi una sopravvivenza psico-affettiva; l'aspetto drammatico è reso dal fatto che la vittima mantiene inconsciamente questo stile di attaccamento anche nelle relazioni adulte.

Negare l'abuso non significa che non sappiamo cosa stia succedendo.

Tuttavia, minimizziamo o razionalizziamo il suo impatto e potremmo non renderci conto che, in realtà, quello che stiamo vivendo è un abuso.

Tutti quegli episodi che normalmente minerebbero l'amore, vengono ridotti al minimo o riletti in modo da permetterci di ignorarli o incolpare noi stessi pur di continuare ad amare.

Appagando il nostro carnefice e connettendoci all'amore, smettiamo di sentire dolore.

L'amore si riaccende e ci sentiamo di nuovo al sicuro.

Almeno fino al prossimo dolore.

Ma cosa facilita la negazione?

Quando ci innamoriamo, se non abbiamo elaborato i traumi della nostra infanzia, siamo più portati ad idealizzare il nostro partner.

È probabile che cercheremo qualcuno che ci ricordi un genitore con il quale abbiamo dinamiche irrisolte, e non è necessario che sia il genitore del sesso opposto.

Potremmo essere attratti da qualcuno che ha aspetti di entrambi i genitori.

Il nostro inconscio sta cercando di riparare il nostro passato rivivendolo, nella speranza di padroneggiare la situazione e ricevere l'amore che non abbiamo ottenuto durante la nostra infanzia.

Questo ci aiuta a trascurare i segnali che sarebbero predittivi dell'abuso e a mantenere in piedi relazioni devastanti.

COSA FARE?

Se ti senti intrappolata in una relazione abusante o non riesci a dimenticare il tuo ex:

- Cerca supporto e aiuto professionale.

- Denuncia la violenza e prendi misure per proteggerti dalla violenza e dagli abusi emotivi

- Quando ti manca l'abusante o hai nostalgia di attenzioni, sostituisci nella tua mente il genitore che stai proiettando sul tuo partner

- Scrivi e piangi quel rapporto.

- Sii più amorevole verso te stesso.

- Soddisfa le tue esigenze.

- Impara a stabilire dei limiti.

#abuso #narcisismopatologico #dipendenzaemotiva #vittimaecarnefice

Perchè amo il mio carnefice?