LE ARMI SEGRETE DEL NARCISISTA

Quando si ha a che fare con un narcisista, conoscerne le strategie e le tecniche di manipolazione diventa fondamentale.

Questo ci permette infatti di rispondere in modo strategico e di portarci in salvo.

La maggior parte delle persone, in realtà, reagisce in modi che incrementano l'abuso e/o fanno il gioco del narcisista, finalizzato a farvi sentire piccoli, colpevoli, dubitare di voi stessi, ritirarvi e permettere comportamenti inaccettabili.

Capire come si muove un narcisista ti darà consapevolezza e controllo sulla situazione.

Quali sono gli obiettivi di un narcisista?

L'obiettivo di ogni manipolazione è quello di acquisire potere e il controllo.

In quest’ottica, i narcisisti mirano a:

- Evitare di essere affrontati.

- Mettervi sulla difensiva.

- Farvi dubitare di voi stessi e delle vostre percezioni.

- Nascondere il loro intento aggressivo.

- Evitare la responsabilità.

La manipolazione può includere l'aggressione palese, come la critica, l'abuso narcisistico e le forme più macroscopiche di abuso emotivo, ma può riferirsi anche a forme più subdole e nascoste di manipolazione, quali l’induzione al senso di colpa, il lamentarsi, il mentire, il negare, il fingere ignoranza o innocenza, le supposizioni, il ricatto emotivo, la dimenticanza, la disattenzione, la falsa preoccupazione, l’adulazione, i regali e i favori.

Andiamo quindi a vedere quali sono le principali armi segrete del narcisista.

1) MENTIRE

I narcisisti mentono anche quando non è necessario.

Non mentono perché hanno paura e si sentono in colpa, ma per confonderti e poter continuare a fare quello che vogliono.

Non sempre la menzogna viene messa in atto in modo diretto; viene infatti espressa anche attraverso comportamenti vaghi e poco definiti o attraverso l’omissione di informazioni fondamentali nel descrivere però tutta una serie di situazioni realmente accadute.

2) NEGAZIONE

La negazione messa in atto dal narcisista non è un meccanismo inconscio, come ad es. il non rendersi conto di essere abusati, di avere una dipendenza o di evitare di affrontare verità dolorose.

La negazione del narcisista è il meccanismo consapevole di negare la conoscenza di promesse, accordi e comportamenti.

La negazione include anche la minimizzazione, la razionalizzazione e le scuse.

Il narcisista si comporta come se facesse un gran caos per niente o razionalizza e scusa i propri comportamenti per farti dubitare di te stessa o per ottenere la tua comprensione.

3) EVITAMENTO

I narcisisti vogliono evitare di essere affrontati e assumersi la responsabilità a tutti i costi.

Possono evitare confronti sul proprio comportamento semplicemente rifiutandosi di discuterne.

Questo potrebbe essere combinato con un attacco diretto, del tipo "mi assilli sempre", mettendo così la vittima sulla difensiva attraverso il biasimo, il senso di colpa o la vergogna.

L'evitamento può essere sottile e impercettibile quando un narcisista cambia argomento.

Può essere camuffato da vanto, dai complimenti o dai commenti che vorresti sentirti dire.

Ad es., durante un tentativo di confronto, può spostare la conversazione con un "Sai quanto ci tengo a te, pensiamo a noi due, alle ose belle che abbiamo", ecc.

Potresti così dimenticare il motivo per cui eri arrabbiata e ferita e, senza rendertene conto, lasciare che l’abuso segua il suo corso.

4) PROIEZIONE

Questa tecnica di manipolazione si manifesta nel momento in cui il narcisista accusa gli altri del proprio comportamento.

I narcisisti ritengono che "la migliore difesa sia un buon attacco".

Spostando la colpa e la responsabilità sulla vittima, questa si mette sulla difensiva.

Il narcisista rimane innocente e libero di continuare il proprio gioco, mentre la vittima si responsabilizza, si sente in colpa e si vergogna di sé.

Il senso di colpa e la vergogna spostano l'attenzione su di te, il che ti indebolisce, mentre chi ti abusa si sente vincente.

La vergogna va oltre il senso di colpa e ha come obiettivo quello di farti sentire completamente inadeguata.

Vieni umiliata come persona in toto, sia nei tuoi aspetti caratteriali, sia nei tuoi comportamenti.

5) INTIMIDAZIONE

L'intimidazione non è sempre accompagnata da minacce dirette, ma può essere sottile.

Può essere ottenuta con uno sguardo o un tono e dichiarazioni come: "Posso sempre tornare alla mia vita prima di te", "Nessuno è insostituibile", "Non sei più così giovane" o "Hai considerato le ripercussioni di questa decisione?”

6) VITTIMIZZAZIONE

Piuttosto che incolpare la vittima, in questo caso è il narcisista che si vittimizza.

La tattica del "povero me" suscita il vostro senso di colpa e la vostra empatia, in modo da seguire, senza accorgersene, i piani del narcisista.

Personalità più disturbate spesso minacciano il suicidio laddove la vittima dovesse chiudere la relazione.

In altri casi, la vittimizzazione può assumere la forma di: "Non ti importa di me", "Perché mi tratti così?" o "Nessuno mi aiuta".



Queste tattiche sono profondamente distruttive.

Con la prolungata esposizione a questo tipo di abusi, si può riportare gravissimi traumi, arrivando a sviluppare un Disturbo Post Traumatico da Stress.

La consapevolezza è il primo passo.

Chiedere aiuto è il successivo.



LE ARMI SEGRETE DEL NARCISISTA