È VERO CHE UN NARCISISTA MANCA DI EMPATIA? 

Aggiornato il: 12 gen 2020

Hai mai pensato che l'empatia può causare un dolore psicologico ed emotivo indicibile?

Forse non sai che non esiste un unico tipo di empatia e che un narcisista usa l'empatia in un modo molto specifico al fine di entrare nella tua testa, manipolare i tuoi pensieri e sentimenti ed abusare di te.

È per questo che il concetto di "mancanza di empatia nel narcisista" non è del tutto corretto.

Non esiste una definizione univoca del concetto di empatia, ma, in generale, la definizione più corretta è quella che descrive l'empatia come la capacità di comprendere i sentimenti, i pensieri e l'esperienza dell'altro senza che questi vengano comunicati in modo esplicito.

Tale definizione è la più corretta proprio perché non parla di compassione, rimorso o umanità.

In generale, possiamo distinguere diversi tipi di empatia:

Empatia emotiva Questa è la forma di empatia che ci permette di sentirci letteralmente nei panni di qualcun altro.

Sentiamo lo stesso dolore di chi ci sta intorno anche se non lo proviamo.

Empatia compassionevole Questo tipo di empatia è quello che ci porta a mettere in atto un comportamento di aiuto: si comprende il disagio dell'altro, ma, poiché non lo si vive in prima persona, si è in grado di agire e migliorare la situazione.

Empatia cognitiva Questo è il tipo di empatia che utilizzano i narcisisti.

È quella che dà loro la capacità di vedere le cose dal vostro punto di vista e quindi di agire nel modo più vantaggioso per loro.

Un narcisista è quindi in grado di comprendere sul piano cognitivo il vostro stato d'animo, ma non sente assolutamente nulla sul piano emotivo.

In questo senso, i narcisisti non mancano di empatia nel senso in cui crediamo, ma mancano di compassione, di rimorso e di rimpianto.

Noi tendiamo spesso a confondere la compassione con l'empatia, ma, appunto, una persona può capire ciò che l'altro sente, pensa e sperimenta senza però provare le emozioni che le accompagnano.

Questo è esattamente il motivo per cui il concetto di mancanza di empatia dei narcisisti è inesatto e pericoloso, proprio perché implica che il loro comportamento è completamente involontario.

In realtà, il comportamento aberrante del narcisista, oltre ad essere estremamente manipolatorio, è assolutamente intenzionale.

Un narcisista porta la propria vittima in uno stato definibile come impotenza appresa, tale per cui una vittima che ha sofferto a lungo il tormento di un trauma esterno, arriva a rinunciare essenzialmente alla propria autonomia.

L'impotenza appresa può portare alla depressione e ad altre importanti malattie mentali.

Se un narcisista vuole costringere la propria vittima all'impotenza appresa, il primo passo è quello di stabilire una connessione.

E qual è lo strumento del narcisista per stabilire una connessione? L'empatia cognitiva.

È molto più facile credere che questo comportamento non sia intenzionale e che il narcisista non abbia il controllo delle proprie emozioni e delle proprie azioni, ma la drammatica verità è che queste azioni sono calcolate.

Ora: come proteggersi dalle loro parole o azioni dannose?

Il primo passo è riconoscere quando il narcisista utilizza l'empatia cognitiva per raggiungere i propri obiettivi.

All'inizio, questo non è facile perché si è umani e si è in grado di rispondere alla gentilezza percepita con altrettanta gentilezza.

Ma la falsa gentilezza del narcisista non è priva di costi.

Rispondere alla loro falsa gentilezza e compassione con lo stesso atteggiamento non porterà ad altro che ulteriori abusi.

Non ci si può confrontare con i narcisisti.

Ecco perché dovete fare tutto ciò che è in vostro potere per evitare i narcisisti e tagliarli definitivamente fuori dalla vostra vita. Altrimenti il narcisista continuerà ad usare l'empatia cognitiva per abusare di voi all'infinito.

#empatia #empatiacognitiva #narcisista #narcisismo #nocontact

Un narcisista manca davvero di empatia?