DAL DIARIO DI UNA DIPENDENTE AFFETTIVA

L'ultimo uomo che ha usato le parole "ti amo" le ha usate per controllarmi.

Le ha usate non rispondendo, mai, quando l'ho detto.

Le ha usate facendomele dire con compiacimento quando voleva sentirle.

Le usava dicendomele sempre e solo quando mi sforzavo di trovare la forza per cercare di porre fine alle cose.

Le usava per farmi sentire male quando non mi "comportavo" come voleva lui.

Le usava per convincermi di un futuro che non aveva alcuna intenzione di creare.

Le parole "ti amo" non significavano assolutamente nulla.

Erano alternativamente un piede di porco, un martello, una chiave maestra... in una scatola di strumenti di manipolazione.

Innamorandomi di un narcisista, ho imparato tutto quello che c'è da sapere su cosa non sia l'amore.

Compresa la dipendenza.

Cos'è la dipendenza?

La dipendenza è il caos.

La dipendenza è un'esplosione di piacere estremo al di sopra di un ronzio costante di dolore.

La dipendenza è un desiderio travolgente.

La dipendenza è sentirsi pazzi.

La dipendenza è la perdita di sé.

La dipendenza è disperazione e confusione.

La dipendenza è imparare a farsi piacere tutto lo schifo che non ti sta bene.

La dipendenza è la vergogna per tutto ciò che sei o non sei.

La dipendenza è accettare la completa distruzione del tuo futuro per un sollievo immediato e temporaneo dal dolore del presente.

E poi c'è stata questa semplice ma illuminante verità: l'amore non ti lascia con un Disturbo Post Traumatico da Stress.

Per quanto malato ed emotivamente offensivo e freddo e manipolatore fosse quell'uomo, io ero altrettanto responsabile di tutto questo.

Ero un bersaglio perfetto.

Ero una persona che voleva così disperatamente essere amata che ero disposta ad accettare qualsiasi patetica facciata.

Ho promesso a me stessa che non avrei mai più lasciato che una persona così si avvicinasse al mio cuore.

Ma ho capito anche che questo riguardava molto meno l’altro e molto di più me stessa.

Noi attiriamo, e restiamo, con le persone che crediamo di meritare.

Devi lavorare su te stessa.

E devi comprendere che quel lavoro non si fermerà mai.

Non c'è un punto di arrivo.

Tutti noi possiamo migliorare continuamente.

Questo è il bello.

Ci sono dei livelli.

E poi…

Poi puoi diventare dipendente da qualcos'altro... l'evoluzione di TE, in meglio, per esempio.

E poi, e solo allora, le ricompense arrivano.

Quando sarai finalmente guarita, potrai innamorarti di qualcuno che non usa le parole "ti amo" con avventatezza, che non le usa in modo disonesto, che non le dice con un secondo fine.

Qualcuno con cui l'amore non viene mai sbattuto in faccia, non viene mai negato condizionatamente e non viene mai usato per controllare.

Non ci sarà caos.

Non ci sarà confusione frenetica.

Non ci sarà la scomoda certezza che le cose non siano come sembrano.

Ci sarà solo coerenza, stabilità e sicurezza.

Qualcuno che ti permetta di essere te stessa.

Qualcuno che non sia lì per aprire le tue ferite.

E nemmeno per curarle.

Quello è compito tuo.

Ma è importante avere qualcuno al tuo fianco che ti metta una mano sulla schiena o che ti offra parole di rassicurazione quando il processo diventa doloroso.

Puoi anche farlo da sola.

E starai bene, a prescindere dal fatto che tu abbia o meno qualcuno.

E, infine, dovrai finalmente accettare che tu meriti un amore sano.

Perché puoi volere qualcosa quanto vuoi, ma se non credi di meritartela, sei spacciata.

Non puoi né ottenerla né tenerla.

Oppure… puoi trovare delle scuse.

È la cosa più facile del mondo da fare.

Puoi sottrarti alla responsabilità di affrontare i tuoi tratti sofferenti e le tue relazioni continueranno a rifletterlo letteralmente per sempre.

Finché tu lo permetti.

Si possono scambiare le scuse per ragioni, si può scambiare il rifiuto per il riconoscimento, si può scambiare la stagnazione con l'azione.

Si può scambiare l'esistere con il vivere.



Dal diario di una Dipendente Affettiva