DAL DIARIO DI UNA DIPENDENTE AFFETTIVA

L'ultimo uomo che ha usato le parole "ti amo" le ha usate per controllarmi.

Le ha usate non rispondendo, mai, quando l'ho detto.

Le ha usate facendomele dire con compiacimento quando voleva sentirle.

Le usava dicendomele sempre e solo quando mi sforzavo di trovare la forza per cercare di porre fine alle cose.

Le usava per farmi sentire male quando non mi "comportavo" come voleva lui.

Le usava per convincermi di un futuro che non aveva alcuna intenzione di creare.