Fame Nervosa Dr.ssa Scarpati

Fame
Nervosa

"Sembra sempre impossibile

Finchè non ci riesci."

Nelson Mandela

IL DISTURBO DA ALIMENTAZIONE INCONTROLLATA

o BINGE EATING DISORDER

 

Se mangi abitualmente grandi quantità di cibo in un unico pasto e ti senti come se le tue abitudini alimentari fossero fuori controllo, potresti soffrire di un Disturbo da Alimentazione Incontrollata, quello che viene comunemente chiamato FAME NERVOSA.

In realtà, il termine tecnico più adeguato a definire questo tipo di Disturbo Alimentare è Binge Eating Disorder o BED.


Il Binge Eating Disorder è caratterizzato dal mangiare regolarmente e compulsivamente grandi quantità di cibo, spesso rapidamente, fino al punto di sentire uno stato di disagio o dolore derivato dall’avere lo stomaco troppo pieno. 

Si può mangiare troppo, troppo in fretta, quando non si ha fame, e continuare a mangiare anche dopo essere completamente sazi.
I mangiatori compulsivi sono in realtà dei mangiatori eccessivamente emotivi e tendono ad attribuire al cibo un valore terapeutico e salvifico. 

A differenza della Bulimia, caratterizzata da sovralimentazione e condotte compensatorie (quali vomito, lassativi, eccessiva attività fisica), il BED non prevede nessuna di queste strategie per cercare di annullare gli effetti dell’abbuffata.
Un fattore che distingue il BED dalla normale, occasionale, sovralimentazione è la sensazione di non avere alcun controllo sulle proprie abitudini alimentari.  
Un’altra caratteristica è rappresentata dal fatto di mangiare da soli o di nascosto, sia per nascondere quanto si mangia sia per evitare la sensazione di imbarazzo, vergogna o senso di colpa per il proprio comportamento alimentare.  
Anche se si giura di smettere, ci si ritrova a mangiare in continuazione.  

Se sperimenti questo tipo di abbuffata almeno una volta alla settimana per tre mesi consecutivi, è possibile che tu stia soffrendo di BED.

QUALI SONO LE CAUSE DEL BED

 

Sebbene il BED sia associato a problemi emotivi sottostanti, la causa esatta è tuttora sconosciuta.

La condizione può essere probabilmente attribuita a una combinazione di influenze psicologiche, comportamentali e ambientali. 

Tra i fattori noti che possono aumentare il rischio di sviluppare il BED vi sono:

  • una storia familiare di disturbi alimentari.  Se i genitori o i fratelli hanno o hanno avuto un disturbo alimentare, il rischio di svilupparne uno è maggiore;

  • una storia di problemi psicologici o di autostima negativa. Alcuni modelli di pensiero e disturbi dell’umore sono infatti strettamente associati al BED, tra cui depressione, rabbia, ansia, un forte bisogno di controllo, perfezionismo e rigidità, il bisogno di piacere agli altri e sentimenti negativi su di sé, sul proprio corpo e sui propri risultati;

  • una lunga storia di diete e di restrizioni caloriche.

  • perdite significative, problemi relazionali o esperienze traumatiche; il BED può essere quindi un modo per cercare di affrontare lo stress e prendere le distanze dal dolore emotivo;

  • esperienze di abuso sessuale, abuso fisico, discriminazione di peso e/o bullismo. 

 

L'OBIETTIVO DELLA PSICOTERAPIA

Ho sofferto di Binge Eating per molto anni.

Ho sviluppato in adolescenza un Disturbo da Alimentazione Incontrollata.

Oggi, in piena felicità e amore per me stessa e per il mio corpo, aiuto le persone che soffrono di questo Disturbo a ridare voce a tutte quelle parti di sé che sono state nascoste sotto la ciccia per non essere più toccate, ferite ed umiliate.

Le aiuto a gridare il loro dolore, e poi a placarlo, elaborarlo e reindirizzarlo, fino a riprendersi la propria dignità ed il proprio diritto di essere amate esattamente per come sono.

 

Il recupero da un disturbo alimentare è un percorso doloroso e complesso.

Probabilmente, nella fase iniziale, ti sentirai peggio e penserai di avere ancora più problemi.

Questo avviene perché, nel momento in cui si inizia a prendersi cura di sé, tutte le problematiche che erano state nascoste dal cibo tornano dolorosamente galla.

Ci vuole tempo, pazienza, delicatezza e amore verso se stessi per trovare modi sani e costruttivi di elaborare ed affrontare tutto il dolore che hai allontanato per anni.

Il recupero diventa più facile quanto più lo si sceglie e lo si pratica.

E questo diventa allora fondamentale: scegliersi.

Scegliere di amarsi senza deleghe, senza rimandare “a lunedì” o “a settembre”.

Scegliere di prendersi cura di ogni singola parte di sé, soprattutto di quelle che abbiamo negato per moltissimo tempo.

Alla fine del nostro percorso, non ti ricorderai nemmeno più cosa voglia dire soffrire di Fame Emotiva; semplicemente non sarà più quella la tua identità.

Attraverso il nostro lavoro insieme, scoprirai che non hai più bisogno di un’armatura di ciccia.

Il tuo cuore è già forte, perché ha superato ostacoli durissimi, e ti sosterrà in questo meraviglioso viaggio che è l’amore per te stessa!

Vuoi avere maggiori informazioni

su chi sono e come lavoro?

Clicca qui!

Senti il bisogno di approfondire la tua conoscenza del Binge Eating?

Qui potrai trovare decine di articoli inerenti questo Disturbo Alimentare

Chiama il numero 340 8048443 per fissare un appuntamento presso il mio studio.

Durante il primo incontro, potremo analizzare la tua esperienza e valutare insieme l’opportunità di iniziare un percorso terapeutico, stabilendo tempi e modi in base ai tuoi obiettivi.

Se senti di aver bisogno del mio aiuto, puoi:

  • Compilare il modulo qui di seguito

  • Inviarmi un messaggio tramite Whatsapp, specificando il tipo di richiesta

  • Contattarmi direttamente al 3408048443

Ricevo presso lo

Studio di Psicologia e Psicoterapia "La Bottega delle Emozioni"

 

sito in Viale Cesare Pavese, 435

Roma

Il tuo modulo è stato inviato!